MASTICAZIONE DOLOROSA, QUANDO C'ENTRANO I DENTI | Dentista Dott.ssa Gallavotti
792
post-template-default,single,single-post,postid-792,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1,vc_responsive
 

MASTICAZIONE DOLOROSA, QUANDO C’ENTRANO I DENTI

MASTICAZIONE DOLOROSA, QUANDO C’ENTRANO I DENTI

Il dolore durante la masticazione può essere il sintomo di diverse patologie, legate ai denti e non solo. La sintomatologia è complessa e si manifesta con dolore intorno all’orecchio, dolore alle tempie, esteso a guance e collo. Può essere collegato a rumori sinistri e scricchiolii articolari, oltre che aumentare con cibi particolarmente caldi o freddi.

 

Le cause connesse ai denti

La masticazione dolorosa può essere dovuta a numerose e diverse patologie odontoiatriche: dalla semplice carie che indebolisce il dente, alle infiammazioni a carico delle gengive, parodontite e pulpite.

Inoltre, il soggetto che prova dolore mentre mastica potrebbe soffrire di bruxismo, una patologia le cui cause non sono ancora chiare, ma che porta a digrignare i denti durante le ore notturne. Ansia e stress rappresentano senza dubbio fattori scatenanti ed aggravanti tale patologia, che nel tempo può danneggiare notevolmente lo smalto dentale, fino ad interessare le articolazioni temporo-mandibolari.

 

I rimedi

Quando il sospetto è che il dolore masticatorio ed il correlato dolore alle tempie siano di origine dentale, è bene rivolgersi ad un odontoiatra, preferibilmente gnatologo, cioè con competenze specifiche in materia di apparato masticatorio.

Per alleviare un dolore non costante e persistente possono giovare farmaci antinfiammatori, uniti ad impacchi freddi o caldi, che favoriscono il rilassamento della mascella.

In caso di bruxismo, può essere utile un bite notturno che limiti gli effetti del digrignamento. Infine, vanno evitati tutti quei cibi duri o gommosi che obbligano ad una masticazione prolungata.